martedì 26 marzo 2013

Owl!

Ho appena visto un gufo, un GUFO vero, su un albero in giardino!!! 
Non era molto grande, forse ancora un piccolo e bellissimo! Non aveva paura e sembrava incuriosito.
Ho fatto in tempo a scattare qualche foto (bruttine e croppate!!!) prima che volasse via. Eccolo qui!!! Non e' cutissimo???



martedì 19 marzo 2013

The Versatile Blogger - aggiornamenti

  
Aggiornamenti dal...New England di nuovo innevato!!! Vi scrivo un post tra una spalata e un'altra! 
Domenica scorsa con alcuni colleghi abbiamo organizzato un pranzo di beneficenza per un'amica il cui marito sta combattendo col cancro. Siamo riusciti ad organizzare un evento con 140 persone, e raccolto piu' di 4000 dollari tra asta e biglietti della lotteria!
Questa cosa mi ha fatto un po' pensare. Gli americani sono un popolo strano: quando ti chiedono "how are you" non vogliono davvero sapere come stai, e' solo una domanda formale. Quando li inviti a casa tua hanno sempre uan scusa e tirano un sacco di pacchi. Ma quando si tratta di vero bisogno, come in questo caso, nessuno si e' tirato indietro, ognuno ha contribuito come poteva, cucinando qualcosa, donando un oggetto antico per l'asta o lasciando un assegno. 

Voglio anche ringrazio Alessandra, fotografa eccezionale e cuoca-da-leccarsi-i-baffi per il premio "The Versatile Blogger"! 




Ora devo trovare 7 cose di me da raccontarvi e poi aggiudicare il premio a 15 altri blog con meno di 200 followers. Vediamo...

1. Adoro stare a casa quando nevica, guardare la neve depositsarsi sugli alberi e magari accendere la stufa o il camino. 
2. Bella e' il nome (scelto non da me) del mio cane, labrador nerissima e un po' pazza che qualcuno ha abbandonato nel giardino di casa un paio di anni fa. Lei ha adottato noi. 
3. Il week end prossimo faro' il mio primo workshop fotografico sul nudo. 
4. Mi trovo negli Stati Uniti da quasi 3 anni ormai ma sto pensando di spostarmi di nuovo, magari in Canada, o nel nord Europa. 
5. Volare mi terrorizza a tal punto che per tornare a casa ho prenotato la nave. (poi pero' con un paio di pilloline ce l'ho fatta in aereo!!!) :)
6. Sono sempre alla ricerca di qualcosa da imparare e che mi faccia crescere e mi arricchisca.
7. Parlo inglese, francese, spagnolo e un po' di russo. Prossimamente l'islandese! 

E scelgo...mmmh, come faccio a scelgere? Facciamo cosi, mi prendo una licenza..."bloggistica": chiunque passi di qui e ritenga di essere "versatile" puo' prendere il bannerino e puo' scrivere il relativo post! Che ne dite? 
Io torno a spalare...!!! Stay warm! :)

martedì 26 febbraio 2013

Why Italians Vote for Berlusconi - The New York Times


Il mio dovere di cittadina italiana l'ho fatto, ho votato, stavolta per corrispondenza, ancora con la speranza che le cose sarebbero cambiate. Sono rimasta ancora una volta con l'amaro in bocca. Come spunto ri-pubblico questo articolo che ho letto sul New York Times.


Why Italians Vote for Berlusconi



Remo Casilli/Reuters
Following election results in Italy is like watching the same movie again and again always hoping for, but never getting, a different ending. Viewers leave asking the same question: Why do Italians continue to vote for Silvio Berlusconi?
Certainly, Italians do care about politics, as this week’s elections results can testify (the turnout was still close to 75 percent at a time of high political disaffection). Foreigners have a hard time understanding why a media mogul who led Italy to the brink of bankruptcy in 2011, who is accused of tax fraud, Mafia associations, exploiting underage prostitutes and misconduct in public office, still manages to compete head to head in national elections. But Italians are not surprised, for several reasons.
Forty minutes after the polls closed and the first exit polls showed a strong result for Berlusconi’s People of Freedom party, his family-controlled media company Mediaset gained 10 percent on the Milan stock exchange. Although it retreated in late afternoon, the performance was symbolic of the deep intertwining of Italian politics with Berlusconi’s economic and media interests.
Besides being one of the country’s richest men, Berlusconi’s media holdings have given him leverage in all aspects of Italian economic life. Freedom House has ranked Italy as the only West European country with a “partly free” press.
To explain Berlusconi’s political popularity only by his influence in the media, however, would be simplistic. The second reason is that a number of people directly benefit from his victory. Since 1994, Berlusconi has nurtured a broad constituency among businessmen and private individuals who benefit from lax government regulations.
Historically, moreover, Italian voters have always been attracted by the uomo forte, the strong man, a charismatic leader who is capable of singlehandedly solving the country’s problems.
This happened with Mussolini in the 1920s, but the popularity of other figures such as the late Socialist Prime Minister Bettino Craxi, the late Communist leader Enrico Berlinguer and more recently the comedian-turned-politician Beppe Grillo can to a certain extent be explained by Italy’s fascination with the charismatic figure who makes promises of progress and prosperity. Italians find these strong men attractive even when they cut corners in the democratic process.
With his ever-young look, elegant attire and almost shameless show of wealth, Berlusconi effortlessly fits the image of the uomo forte.
Last, but not least, Italians are a nation that cheers for a political party as blindly and intensively as it cheers for a favorite football team. Berlusconi does, in fact, own a football team, but this habit is rooted in the long Cold War confrontation between two political parties, the Christian Democrats and the Communists. Berlusconi in effect inherited the votes of the Christian Democratic party after it collapsed under corruption scandals.
There are no doubt other reasons for Berlusconi’s success in the general election, including the lack of a charismatic leader on the center-left. But Berlusconi’s resilience on the Italian political scene over the past 20 years runs far deeper. The factors that compel Italians to vote for Berlusconi are the same factors that are driving Italy out of touch from reality and toward social, cultural and economic decline.
Meanwhile, Europe and the rest of the world wait in a state of perplexity for the movie theater to go out of business.
Francesco Giumelli is assistant professor of international relations and European studies at Metropolitan University Prague. Davide Maneschi is a Ph.D. fellow in the department of development and planning at Aalborg University in Denmark.

sabato 9 febbraio 2013

Nemo is Here!

Stamattina quando mi sono svegliata ho trovato questo: 


Dallo specchietto e (forse) dalla forma, si intuisce che si tratta della mia macchina.
Dopo mezz'ora di shoveling questo e' il risultato: 


Insomma, Nemo e' arrivato anche al log cabin e ci sta facendo un po' penare. Adoro la neve ma odio spalare!

Nel frattempo sono arrivate anche le schede elettorali. Non le ha fermate nemmeno la bufera. In pratica si vota per corrispondenza e nella ripartizione America Settentrionale si vota per eleggere 2 deputati e 1 senatore. 

E voi? Come siete messi, tra votazioni e Nemo?

Wish me luck!

mercoledì 2 gennaio 2013

Auguri di Buon Anno!



Auguri di Buon Anno!
Io sono qui a Milano, sono riuscita a fare una sorpresa ai miei e sono venuta a trovarli!
Voi come state passando queste feste?



sabato 22 dicembre 2012

Aggiornamenti

Vi sarete accorti che ultimamente non mi sono fatta piu' fatta viva qui sul blog per scrivere posts o commentare i vostri blogs. Chiedo venia! Il fatto e' che a lavoro ci spremono come limoni e tra una classe e l'altra ho davvero pochissimo tempo. Mi rendo conto che non scrivendo, sto perdendo quel poco di "proprieta' linguistica" che avevo, quindi devo assolutamente rimediare!!!

Al log cabin la fine del mondo non e' arrivata e le cose procedono tra alti e bassi. Un po' e' una casa come le altre, un po' richiede un sacco di lavoro e cura piu' del normale. Tra l'altro, essendo alla fine di una strada sterrata, su una collinetta, quando nevica o gela posso scordarmi di parcheggiare la macchina in cima, se non voglio rompermi l'osso del collo! Il vialetto e' talmente ripido e lungo che non c'e' scampo, manco coi ramponi, si scivola che e' una bellezza. L'altro ieri ho parcheggiato alla base della collinetta e sono salita  attaccandomi alle radici degli alberi!!!
Comunque di bello c'e' che siamo completamente in mezzo ai boschi: ci sono cervi, orsi bruni (quelli piccoli) e ovviamente scoiattoli e altri piccoli animali. Si, si, ci sono pure i nostri famosi topolini di campagna (sette) che ormai sono quasi addomesticati.

Detto questo...vi faccio gli auguri di Natale un po' in anticipo! Che questo anno si concluda positivo e che l'anno nuovo porti a ciascuno di noi la realizzazione di un desiderio che aspettavamo da tanto.
Auguri!








Wikio

http://labs.ebuzzing.it